Occorre un maggiore sostegno in termini economici e un affiancamento all’azione sul territorio.

Occorre un maggiore sostegno in termini economici e un affiancamento all’azione sul territorio.

L’attenzione che oggi emerge dal Consiglio regionale nei confronti del fenomeno della violenza di genere si inserisce all’interno di un quadro di piena continuità normativa con quanto già realizzato nella precedente legislatura dall’Assemblea di Via Roma, soprattutto in riferimento al protocollo d’intesa siglato nel 2011 dall’Assessore alla Sanità Simona De Francisci.

In quell’occasione, l’Associazione Progetto Donna Ceteris, contribuì in termini propositivi nell’assegnare un ruolo importante all’azione dei Centri Antiviolenza su tutto il territorio regionale, in modo da combattere la piaga della violenza attraverso un necessario rafforzamento di una sinergia operativa fra istituzioni, forze dell’ordine, associazioni e strutture sanitarie. Una rete fondamentale, finalizzata soprattutto al sostegno dei servizi di accoglienza per indurre molte donne ad emergere dal sommerso, e combattere nel contempo la spirale di violenza che nella gran parte dei casi avviene ad opera degli stessi partner, persone conosciute, in luoghi familiari e non.

La violenza sulle donne, infatti, comporta conseguenze psichiche e psicosociali sul piano della salute, con ricadute evidenti sul sistema sanitario e sul mercato del lavoro. Ciò che più conta, oggi, è una coraggiosa inversione di rotta, da parte della Giunta, sul piano del sostegno economico all’azione dei Centri Antiviolenza.

Al riguardo, la situazione in Sardegna continua ad essere difficile, comportando in alcuni casi la sopravvivenza dei centri stessi e la loro piena operatività. E’ necessaria, dunque, un’equa distribuzione dei centri sul territorio regionale, ma soprattutto la possibilità di percorsi più snelli nel raccordo con le pubbliche amministrazioni, superando così gli ostacoli burocratici che continuano ad impedire la piena funzionalità del centro a servizio della comunità.

Restiamo in contatto

Privacy Policy